Torna alla pagina principale Ricerca_MappaContattateciRingraziamenti
VinoGastronomiaEventiProduttori

Poesie 

Er m linguge 
Bogia nan, mia Langa 
Babna Panatera 
Aria 'd sit 
Langa ofaisa 


Er me linguge
 
Er m linguge
o r' vj e strus
paid er bagge 'd m parin,
cti e goragn
paid a corna der crin,
seuri
paid o tragn d'en camp semn,
doss e ponci
paid en vin en p cru,
lber
paid er parle
ch'is diso 'd sossman-a
'nt er caussgne,
frt paid er bros,
tennre, dlic paid na gionc.
Dvte o pesta,
o smija na tirssa
ch'as lssa trze;
dvte na lrpa d'ass,
na buva d'in traint rampin,
n'ansin da cheuje 'r cirese,
na lma d'en troplau,
n'ambotu
ch'o cheuj er parle
der mre, der nne e der madne
ch'i veno da lontan,
na tnivela ch'a trapan-a o servel,
n'anel 'd na cadina
ch'a gionz o doman ar pass;
na ni 'd parle che ij giovo san p,
na vos ch'a sogeriss sansa d,
na manera langaisa 'd prononsi
che ar foresto je scpa 'd grign.
Na parlda 'mbastarda,
ra mia,
ch'a rabs-cia per la str
lo ch'a treuv d'espressiv,
sansa baich s'o ven
dai Lgori, dai Celt dai Roman,
dai Turch, da j'Ongarasch da j'Alman.
Linguge caressant e despetos,
cangiant
paid i versant
der mie colin-e 'd Langa.

Il mio linguaggio
 
Il mio linguaggio
vecchio e strutto1
come il vestito di mio padrino,
soffice e duro
come la cotenna d'un suino,
liscio
come il terreno d'un campo seminato,
dolce e puntuto
come un vino un po' crudo,
libero
come le parole
parlate in settimana
nella capezzagna,
forte come il bros2,
tenero, delicato come ricotta.
Delle volte si presta,
sembra un tralcio
che si lascia torcere;
delle volte un chiodo d'acciaio,
la punta d'un tridente,
un gancio per coglier le cerase,
la lama d'un segaccio,
un imbuto
che raccoglie le parole
delle madri, delle nonne e delle suocere
che vengon da lontano,
una trivella che trapana il cervello,
un anello della catena
che congiunge il domani al passato;
una nidiata di parole che i giovani non sanno pi,
una voce che suggerisce senza dire,
una maniera langhese di pronunciare
che al foresto gli scappa di ghignare.
Una parlata imbastardita,
la mia,
che raccatta per la strada
quel che trova d'espressivo,
senza badare se viene
dai Liguri, dai Celti o dai Romani,
da Turchi, Ungheresi o Alemanni.
Linguaggio carezzevole e dispettoso,
cangiante
come i versanti
delle mie colline di Langa.
 
note:

1 consunto, logoro.
2 bros: formaggio fermentato tipico del Piemonte (pron: brus).

Botteghe del Vino |  Vino
Dialetto |  Eventi

Enoteche Regionali  |  Associazioni
Gastronomia |  Produttori